Roberto Buzzi, Florinda Leo, Nicoletta Vaccamorta, Marco Vagnozzi (a cura di), PERCHÉ BON RlSCHIARE? Forme di relazione e di espressione corporea nella promozione della salute e nella prevenzione al disagio in adolescenza ,Erga edizioni, Genova, 2009

Il corpo, l’età adolescenziale, il rischio: tre ingredienti di una commedia umana sulla quale ognuno di noi, come su una corda tesa, muove i passi incerti della sua esistenza.

Con queste pagine si vuole offrire un contributo conoscitivo, originato da esperienze con gli adolescenti, sui temi del rischio in relazione alle pratiche di consumo di sostanze additive.

Il desiderio è di incontrare l’interesse di tutti gli adulti, genitori, insegnanti ed educatori quotidianamente impegnati a confrontarsi con i ragazzi per la tutela e la promozione della loro salute e della comunità sociale nel suo complesso.

L'ÉQUIPE DI PREVENZIONE DEL CENTRO DI SOLIDARIETÀ DI GENOVA

Il Centro Solidarietà di Genova è una cooperativa sociale da 30 anni specializzata nella riabilitazione, cura e prevenzione dei problemi di dipendenza e abuso di droghe.

La sua équipe di prevenzione, composta da psicologi, psicopedagogisti ed educatori è impegnata quotidianamente nel confronto con i giovani e gli adolescenti, specie nei luoghi della scuola, media e superiore, sui temi delle condotte a rischio e del consumo di sostanze legali ed illegali. Gli obiettivi di prevenzione, in questi ultimi anni ridefiniti nei termini del­la promozione della salute, hanno richiesto un'intensa analisi e revisione degli approcci, sempre più orientati a proporre ai diretti interessati, studenti, insegnanti e genitori, metodi, compatibili ai contesti, incentrati sul laboratorio ora di espressività corporea ora di peer education. In queste due dimensioni si condensano interventi di tipo informativo supportati dal percorso formativo. Privilegiare la dimensione formativa ha significato per il gruppo di lavoro avvicinarsi alle problematiche e agli attori sociali in gioco nella prospettiva dello sviluppo delle capacità individuali e sociali quali fattori di protezione e promozione della loro salute.

27 gennaio 2010

HomePage