BIBLIOGRAFIE E RECENSIONI

Individualizzazione, Autonomia e flessibilità nell’azione educativa e didattica,UMBERTO TENUTA
LA SCUOLA EDITRICE, BRESCIA

Il libro si propone di contribuire a dare concre­ta attuazione al «diritto all'educazione e all'i­struzione>> che viene assunto come fondamen­tale obiettivo nella scuola dell' autonomia, della scuola dei nostri giorni con tutte le riforme che la caratterizzano, ma anche della scuola del futuro, con tutte le sue possibili innovazioni.
La scuola può rispondere al suo compito istituzionale di assicurare il «pieno suc­cesso di ogni essere umano>> solo attraverso un'organizzazione educativa e didattica fonda­ta sui più aggiornati principi della ricerca socio­psico-pedagogica che nella individualizzazio­ne dell'insegnamento o personalizzazione educativa, che dir si voglia, ha il suo elemento più caratterizzante.
Diversificare l'offerta formativa rispetto a sog­getti che sono sempre più riconosciuti come di­versi per età mentale, livelli di sviluppo, ritmi e stili di apprendimento, aspirazioni e tendenze, atteggiamenti(1), significa diversificare gli obiettivi formativi e le strategie didattiche, fare un uso adeguato an­che delle nuove tecnologie, realizzare un'orga­nizzazione flessibile e più articolata dei tempi e degli spazi dell'insegnamento e dell’apprendimento, attraverso una progettazione di percorsi individualizzati per ogni alunno o, meglio, per ogni gruppo di alunni, secondo la metodologia del Cooperative learning, e non solo per gli alunni diversamente abili
E questa la sfida che l'Autore accoglie, con le sue concrete proposte in ordine alla personaliz­zazione degli obiettivi e dei percorsi educativi e didattici.
Comunque, forse nulla meglio dell’Indice, può dare l’idea del contenuto del libro:

INDICE
Presentazione
INTRODUZIONE
LA.SCUOLA DI BASE E L'INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

  • La piena formazione della personalità
  • La formazione integrale della personalità
  • Il rispetto e la promozione dell'identità personale e sociocuIturale
  • L'impostazione metodologica della scuola di base: l'individualizzazione dell'insegnamento

CAPITOLO PRIMO - L’NDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO: UN’ORGANIZZAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ARTICOLATA E FLESSIBILE

  • La lezione collettiva
    • Dalla lezione collettiva agli interventi didattici individualizzati
  • Un'organizzazione educativa e didattica individualizzata
  • I percorsi didattici articolati
    • La motivazione
      • La natura della motivazione
      • L'insegnante motiva gli alunni
    • La progettazione delle ricerche
    • La ricerca come attività di ricostruzione delle conoscenze attraverso la soluzione di problemi
      • Dal concreto all'astratto
    • Sintesi magistrale
    • Consolidamento .
    • Verifica
    • Le attività di recupero e di approfondimento

CAPITOLO SECONDO - L'INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO: I PERCORSI DIDATTICI DIFFERENZIATI E INTEGRATIVI

  • I percorsi didattici differenziati
    • Gli interventi differenziati di sostegno, compensativi e di arricchimento
        • Le attività di sostegno
        • Le attività compensative
        • Le attività compensative: «il recupero individualizzato o per gruppi ristretti di alunni con ritardo nei processi di apprendimento
        • Le attività di arricchimento
  • I percorsi didattici integrativi
  • La differenziazione degli obiettivi formativi
      • La differenziazione degli obiettivi per gli alunni dotati e per il rispetto dell'identità personale e socioculturale
      • La differenziazione delle metodologie e delle tecnologie
  • Le sequenze dei percorsi didattici articolati, differenziati e integrativi
  • L'organizzazione educativa e didattica individualizzata e gli impegni della scuola per la formazione di base

CAPITOLO TERZO - IL LAVORO DI GRUPPO E L'INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

  • Dall'individualismo della classe alla comunità scolastica
  • Dalla lezione collettiva al lavoro di gruppo
    • Lavoro di gruppo e formazione socio-affettiva
    • Il lavoro di gruppo e l'apprendimento
    • Il lavoro di gruppo e l'individualizzazione dell'insegnamento
    • La natura del lavoro di gruppo
  • Organizzazione del lavoro di gruppo
    • Gruppi di apprendimento e gruppi educativi
    • Il gruppo classe ed i gruppi intraclassi
    • I gruppi interclassi
    • I grandi gruppi
  • Articolazione dei gruppi
    • Gruppi omogenei e gruppi eterogenei
    • Gruppi omogenei ed attività integrative
    • 'Gruppi temporanei e gruppi fissi
    • Gruppi aperti e gruppi chiusi
  • Le dimensioni dei gruppi
  • La costituzione delle classi e dei gruppi
  • La conduzione dei gruppi

CAPITOLO QUARTO - CLASSI APERTE E INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

  • I limiti della classe e le proposte del suo superamento
  • Scuola delle classi e società educante
    • Classi aperte e comunità scolastica
    • Classi aperte e formazione integrale della personalità
    • Classi aperte ed individualizzazione dell’insegnamento
  • Il superamento della scuola delle classi: una prospettiva ed un impegno
    • L'apertura delle classi e l'individualizzazione dell'insegnamento

CAPITOLO QUINTO - LE TECNOLOGIE EDUCATIVE E L'INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

  • Le tecnologie educative
  • I materiali concreti, comuni e strutturati
  • I materiali iconici: audiovisivi ed informatici
    • I computer e l'individualizzazione dell'insegnamento
      • Le tecnologie ipertestuali e ipermediali
  • I materiale simbolico: schede e libri
  • Strumenti autocorrettivi
  • Le tecnologie educative: l'istruzione programmata
  • Le indicazioni operative per l'utilizzazione dei materiali didattici
  • L'individualizzazione dell'insegnamento e le strutture edilizie
  • Scuola ed extrascuola
    • L'interazione formativa della scuola con l'extrascuola
    • La programmazione dell'interazione formativa della scuola con l' extrascuola nella prospettiva della personalizzazione educativa
  • Le prospettive della multimedialità

CAPITOLO SESTO - LE SCHEDE E L'INDIVIDUALIZZAZIONE DELL'INSEGNAMENTO

  • Le schede operative
    • Schede di pianificazione
    • Schede di ricerca
    • Schede di sintesi
    • Schede di consolidamento
    • Schede di verifica
    • Schede di recupero
    • Schede di approfondimento
    • Schede di arricchimento
  • Schede documentarie
  • Caratteristiche generali delle schede
  • La classificazione delle schede
  • Preparazione e adattamento delle schede
  • Le possibilità di impiego delle schede

-----
(1) In merito cfr.: MENCARELLI M., Il discorso pedagogico del nostro secolo, La Scuola, Brescia, 1970; AGAZZI A., Oltre la scuola attiva - storia essenza significato dell'attivismo, La Scuola, Brescia, 1955; CASOTTI M., La scuola attiva, La Scuola, Brescia, 1954; BINI G., La pedagogia attivistica in Italia, Editori Riuniti, Roma, 1971; ROMANINI L., Il movimento pedagogico all’estero (vol. I - Le idee; vol. II - Le esperienze), La Scuola, Brescia, 1955; In merito cfr.: Cresson, E., , Insegnare ad apprendere. Verso la società conoscitiva, Libro bianco su istruzione e formazione, Lussemburgo, Commissione Europea. 1995; CAMBI F. (a cura di), Nel conflitto delle emozioni – Prospettive pedagogiche, Armando Editore, Roma, 1999; TENUTA U., I contenuti essenziali per la formazione di base: homo patiens, habilis, sapiens, in Rivista dell’istruzione, Maggioli, Rimini, 1998, N. 5; TENUTA U.,Verificare le conoscenze essenziali, ma soprattutto le capacità ed anche gli atteggiamenti, in Rivista dell’istruzione, Maggioli, Rimini, 2002, n. 4; TENUTA U., Atteggiamenti: non solo conoscenze, non solo capacità, Il Dirigente scolastico, Scuola SNALS, Roma, gennaio 2002; TENUTA U.,Conoscenze Capacità Atteggiamenti; TENUTA U.,Obiettivi Formativi da Raggiungere; TENUTA U., Obiettivi Formativi e Competenze; TENUTA U.,Obiettivi Specifici di Apprendimento; TENUTA U.,Obiettivi: come districarsi?;TENUTA U. , Atteggiamenti Capacità Conoscenze, nel sito http://www.edscuola.it/archivio/didattica/index.html; TENUTA U., Atteggiamenti, capacità e conoscenze , in RIVISTA DIGITALE DELLA DIDATTICA: http://www.rivistadidattica.com/

28 luglio 2009

HomePage