BIBLIOGRAFIE E RECENSIONI

SARCONE G. A.,JO WEBER M., Matemagica, giochi d’ingegno con la matematica,
LA MERIDIANA, MOLFETTA (BA), 2005

La matematica, dopotutto, è nient’altro che la soluzione di un rompicapo (Martin Gardner)
Si dice - non l'abbiamo inventato noi - che la funzione principale di un "manuale" per insegnanti e formatori sia di essere una miniera di attività e di esercizi, senza dimenticare di essere piacevole a vedersi e ben illustrato.
Pensiamo di aver esaudito almeno tre di questi desideri: questo manuale è ricolmo di attività con illustrazioni e modelli (da ritagliare e montare) facil­mente fotocopiabili ed è inoltre maneggevole. Non resta che ... all'inse­gnante o al formatore inserire questi giochi nei temi trattati in classe o durante un laboratorio.
Non siamo qui per proporre percorsi educativi (rivoluzionari o meno), non ne abbiamo le competenze. Questo libro è nato da una semplicissima con­statazione: il gioco rende la matematica più attraente e più umana ... Certo, tiriamo acqua al nostro mulino, visto che siamo specialisti di giochi di logi­ca e di matematica! Crediamo tuttavia che per vincere la riluttanza alle materie scientifiche, bisogna alternare momenti ricreativi a momenti di stu­dio, e che senza cambiare niente alle metodologie d'insegnamento, si pos­sono integrare con successo i giochi di questo libro nel cursus didattico.
Vi ricordate del famoso Manuale delle Giovani Marmotte? Tutti i bambini e i ragazzi d'Italia (voi compresi) lo hanno sfogliato almeno una volta nella loro vita; è un libro semplice con dei consigli, dei giochi e tante cose da realizzare. Ecco, vorremmo proporvi una specie di Manuale delle Giovani Marmotte Matematico per insegnanti e formatori, con giochi e rompicapi da realizzare, attinenti al mondo della matematica e della logica. Il nostro scopo non è trasformare la vostra classe in geni o in matematici provetti, ma offrire delle alternative ludiche: dei giochi di risveglio dell'interesse (in francese, éveil de l’intérêth) per la "cosa matematica". Sappiamo che è impossibile convincere un cavallo a bere quando non ha sete ... Forzare i ragazzi a imparare una materia che non amano e di cui non capiscono l’utilità non solo è impossihile, ma è controproducente. Non si può costringere la spontaneità. Qui intervengono i giochi e i rompicapi che in questo campo possono fare molto: catturare l'interesse in maniera naturale, e dare voglia 8chissà) disapernedi più.
Tutto sommato, questo libro non l’abbiamo scritto per piacere agli zero virgola uno per mille che hanno fatto della matematica pura il loro pane quotidiano (per fortuna!), ma per aiutarvi a convincere i giovani che matematica non è una forma sopraffina di punizione ma uno strumento per risolvere alcuni problemi pratici o teorici (beh, tutti, non proprio!). La matematica è innanzitutto una forma di ginnastica mentale più stimolante delle parole crociate e che arricchisce di più di "Una domanda per un campionc"; comunicatelo ai vostri ragazzi! E poi non è (tanto) cosi brutta: anzi... I giochi qui inclusi ne sono una prova evidente!
(Dall’INTRODUZIONE)

2 luglio 2009

HomePage